top of page

ITALIA TIMES

italia-header.jpg

DANTE TIMES

Esplosioni di ottimismo

Aggiornamento: 30 giu 2022

In uno slancio di ottimismo, mi sono sposato.

-Perché, se non per amore e ottimismo, la gente si sposa?


In uno slancio di ottimismo, ho lasciato il mio lavoro.

-Chi rinuncerebbe al suo lavoro per "niente" in questi tempi di crisi?


In uno slancio di ottimismo, ho lasciato tutto e sono venuto a San Remo.

-Stare di fronte al Mediterraneo mi porterá la pace?


E per bilanciare tutto questo slancio, sapevo a malapena parlare italiano.

-Ben tornata, realtà.


A volte è meglio ridere. Ridere davanti allo specchio. Ridere della nostra vita quotidiana.


Oggi è passato un anno dal mio arrivo a Sanremo, e sì, sono ancora sposata con Luca. E se ho detto che è stato per uno slancio di ottimismo, è perché lo è stato e lo rifarei mille volte.


Ci abituiamo ad essere frenati dalle voci che ci circondano e fermiamo le nostre "esplosioni di ottimismo". E anche se forse l'uno o l'altro è troppo inverosimile e non sempre porta i risultati che desideriamo, sembrano ricordarci che siamo vivi.


Non capivo un filo d'italiano quando ho incontrato Luca, ma lui parla perfettamente lo spagnolo, così la pigrizia si è imposta e non mi sono mai sforzata di imparare la lingua. Questo fino a quando le mie esplosioni di ottimismo mi hanno dato un morbido e gentile schiaffo in faccia quando sono arrivato in Italia.Dove ogni giorno raccolgo le briciole di cibo, pulisco i sedili di ogni teatro e cammino tra un musical o uno spettacolo teatrale per distrarmi un po'.


Ho lasciato il mio lavoro senza badare al fatto che la crisi abbonda in questi giorni.


A volte mi chiedo cosa ne sarebbe stato di me se avessi frenato le mie esplosioni di ottimismo. Forse sarei ancora nello stesso noioso ufficio il cui buon stipendio non è pari alla felicità che provo ogni volta che esco dal lavoro e cammino sul lungo mare, con quella bella vista sul Mediterraneo.


Forse sarei ancora pigra e senza stress, non avendo bisogno di ampliare le mie conoscenze e studiare un'altra lingua. Ma anche nei momenti di disperazione, in mezzo alle ore di studio, mi viene fatto sentire che sono capace di realizzare qualsiasi cosa e che il semplice fatto di studiare l'italiano mi apre le porte di questo bel mondo.


O forse sarei in una posizione importante in un'azienda distinta, ma non cambierei la pace che sento sapendo che con quello che sono e che ho, sono molto felice.


Tornare a casa e coccolare Luca, godersi il nostro tempo libero in spiaggia e gustare una deliziosa Sardenaira (la focaccia locale con il pomodoro), sono sufficienti per farmi sentire viva ogni giorno, nella buona e nella cattiva sorte.


E sì, forse non ho un ufficio o il miglior stipendio, ma ho molto amore da dare e molto da ammirare in questo bel paese.


Ma alla fine, bisogna continuare a cercare il meglio. Così ora mi sto pettinando, ridendo davanti allo specchio mentre penso a tutto quello che è successo quest'anno a Sanremo. E mi sto preparando con entusiasmo ad andare ad un colloquio di lavoro in un'importante agenzia pubblicitaria, perché ancora una volta, in un impeto di ottimismo, ho inviato il mio CV.


Chissà dove mi porterà tutto questo, almeno i nervi che ho ora mi fanno sentire vivo e che ho il potere di decidere fin dove posso arrivare.


21 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


Suscríbete para recibir novedades exclusivas

¡Gracias por suscribirte!

SÍGUENOS EN NUESTRAS REDES SOCIALES

  • Instagram
  • Facebook
bottom of page