top of page

ITALIA TIMES

italia-header.jpg

DANTE TIMES

Si dice che il diavolo abbia contribuito alla costruzione di un ponte in Toscana.

Scritto da: Montserrat Morales


Il mondo ha una grande varietà di luoghi, ognuno con la propria storia, il proprio contesto e persino i propri miti e leggende. Con un po' di ricerca, possiamo scoprire cose molto interessanti: gli edifici antichi hanno spesso un passato curioso o addirittura spaventoso, dovuto a eventi significativi accaduti in passato. Questi aneddoti sono stati tramandati attraverso il passaparola fino ai giorni nostri.


In questo articolo parleremo di un ponte medievale in Italia che, sebbene non sia molto conosciuto, presenta alcuni fatti curiosi e potrebbe essere interessante. Si chiama Ponte della Maddalena, anche se è conosciuto anche come Ponte del Diavolo. Si trova in Toscana, precisamente nella città di Lucca, e serve ad attraversare il fiume Serchio.


Il Ponte della Maddalena originariamente serviva come importante mezzo di comunicazione nella regione, facilitando il passaggio di persone e merci attraverso il fiume. Tuttavia, nel corso degli anni, l'importanza del ponte per il trasporto è diminuita, ma la sua bellezza architettonica e la sua storia hanno attirato turisti da tutto il mondo. È sicuramente perfetto da attraversare a piedi per godere della vista delle colline e del verde circostanti, o semplicemente da percorrere in bicicletta durante una passeggiata mattutina.


Nel libro di Niccolò Machiavelli "La vita di Castruccio Castracani" si dice che la responsabile della costruzione del ponte fu Matilde di Canossa, nota anche come Matilde di Toscana, che era una nobildonna italiana medievale e pare che il progetto sia stato realizzato nell'XI secolo. Una curiosità del libro è che Castruccio fu il primo esempio del Principe rinascimentale a cui Machiavelli aspirava per evitare che l'Italia fosse dominata dagli stranieri; è altamente consigliato se vi piace la letteratura di Machiavelli.


Il ponte ne ha passate tante: nel tempo ha subito troppi danni perché il materiale principale delle arcate era prima in legno, fino al XIV secolo quando Castruccio Castracani ne guidò il restauro e fu completamente in pietra.

Questo luogo è circondato da una leggenda piuttosto singolare, poiché si dice che durante la costruzione del ponte i lavori subirono un notevole ritardo. Ciò suscitò nel capomastro una preoccupante inquietudine che lo portò a pronunciare una serie infinita di sacrilegi e parole proibite nella speranza che il diavolo lo visitasse.


E alla fine ci riuscì: il male incarnato gli apparve davanti. Gli chiese perché lo chiamasse così furiosamente, al che lui rispose che aveva bisogno del suo aiuto per finire il lavoro il più velocemente possibile. L'essere maligno si lasciò sfuggire una risata fragorosa e terrificante. Quando si calmò, gli disse che il suo potere avrebbe potuto completare la costruzione in una sola notte; tuttavia, il favore avrebbe avuto un costo. "Una volta trasformato quel mucchio di materiali in qualcosa di sostenibile, prenderò l'anima della prima persona che lo attraverserà, né più né meno. Una vita innocente è ciò che desidero".


Il pover’uomo, timoroso, accettò l'accordo. In un batter d'occhio, quelle opere nere si trasformarono in un lavoro solido e finito.


Quando arrivò il momento di adempiere alla sua parte dell'accordo, l'uomo fu sopraffatto dal rammarico. Pensò che sarebbe stato disumano compiere un'azione del genere e che non avrebbe potuto vivere con il peso della colpa. Così escogitò un piano infallibile che, secondo lui, avrebbe funzionato perfettamente. Mandò un cane da pastore maremmano ad attraversare il ponte. E così accadde, l'animale avanzò a quattro zampe finché l'essere imponente non si fece avanti per reclamare la sua parte.


Quest'ultimo si sentì completamente imbrogliato e gettò il povero animale in acqua. Il diavolo non poté reclamare alcuna anima, poiché qualsiasi altra forma di vita che avesse attraversato la costruzione non sarebbe stata la prima a farlo, invalidando l'accordo.


Si dice che sia ancora possibile avvistare il cane sul ponte durante le ultime notti di ottobre, a simboleggiare che il diavolo sta ancora aspettando di riscuotere il pagamento che non è mai arrivato e che non potrà mai ottenere.

Prima di concludere questo articolo, vorrei condividere due fatti curiosi su questo argomento. Il primo è che anche in Spagna esiste un ponte con lo stesso nome, "Puente de la Magdalena". Non solo condividono lo stesso nome, ma hanno anche caratteristiche simili. Anche se storicamente non sono disponibili molte informazioni e nonostante le diverse circostanze in cui furono costruiti, entrambi i ponti appartengono al Medioevo. In termini di cronologia, non sono molto distanti tra loro, poiché uno fu eretto nell'XI e l'altro nel XII secolo.


L'altro fatto interessante è che il nome "Ponte del Diavolo" viene applicato a molti altri ponti, perché la cultura popolare ritiene che le costruzioni ad arco utilizzate per attraversare i fiumi in epoca medievale siano attribuite alla creazione di Satana.


Ogni luogo ha la sua versione della storia. In alcuni casi è dovuta a difficoltà sorte durante la costruzione, mentre in altri ci si riferisce al fatto che anziani e pastori avevano bisogno di attraversare urgentemente il fiume. Indipendentemente dal motivo, ciò che li accomuna è sempre l'idea dell'intervento di un essere malvagio che cerca di vendicarsi di un'anima. Tuttavia, nella maggior parte delle storie, questo essere finisce per essere ingannato.


Per oggi è tutto, spero che abbiate imparato qualcosa di nuovo, mi piacerebbe sapere cosa ne pensate. Sapevate già di questo ponte, conoscete qualche leggenda simile? Scriveteci nei commenti!


19 visualizzazioni0 commenti

Comments


Suscríbete para recibir novedades exclusivas

¡Gracias por suscribirte!

SÍGUENOS EN NUESTRAS REDES SOCIALES

  • Instagram
  • Facebook
bottom of page