top of page

ITALIA TIMES

italia-header.jpg

DANTE TIMES

Tra laghi e celebrità

Il mese di maggio porta un'infinità di commemorazioni e celebrazioni, tra cui il giorno del lavoro, il giorno dell'insegnante, il giorno mondiale del sorriso, il giorno dell'Europa, il giorno di Internet, il giorno dei musei, il mio compleanno... haha, quello di alcuni amici e persino il giorno in cui la forza è con noi, cioè il giorno di Star Wars. Tuttavia, nessuno delle precedenti ha la stessa rilevanza del 10 maggio in Messico o della seconda domenica di maggio in Italia, mi riferisco alla Festa della Mamma. Ed è difficile non far parte di questa festa, sia per il marketing intorno ad essa che per l'imminente carico emotivo che comporta, perché celebrare la mamma significa celebrare la vita e l'amore incondizionato.


Così, in questa edizione del Dante Times mi sono data il compito di parlare con una donna messicana che non solo esercita questo ruolo a tempo pieno, ma lo fa a più di novemila chilometri da qui, in particolare dalla provincia di Como, nel nord Italia. Paulina Tirado, originaria di Città del Messico, ci ha dedicato alcune ore della sua impegnativa giornata per condividere alcune delle sue esperienze in quel piccolo ma bellissimo posto.

 

Paulina, come festeggiate la Festa della Mamma nelle scuole lì?

È molto tranquillo, senza alcuna produzione, diciamo, hahaha. I bambini cantano solo qualche canzone e basta, non come in Messico, che fanno di tutto. Infatti, qualche giorno prima della celebrazione della Festa della Mamma nella scuola, mia figlia di 5 anni era super emozionata e mi chiedeva se avrebbe indossato abiti speciali come lo fece nei festival scolastici messicani, dove il 10 maggio preparano balli, poesie, canzoni, ecc. e indossano vestiti a seconda dello “show”. Ma no, qui si "travestono" solo per carnevale e il resto delle festività non sono un granché.


Per quanto riguarda le abitudini genitoriali, hai notato qualche differenza tra Messico e Como?

Solo che di solito tengo al caldo i miei figli, cioè i miei figli generalmente indossano più vestiti a paragone degli altri bambini, e per questo, i miei vicini di casa mi prendono in giro. Tuttavia, io continuo a farlo perché penso che sia ciò di cui i miei figli hanno bisogno.


Come mamma, cosa ti piace di più di vivere lì?

La sicurezza e la tranquillità. Qui è molto comune trovare in giro intere famiglie, andare in bicicletta ogni giorno ovunque, senza troppi pericoli, e questo nelle grandi città semplicemente non è possibile. Mi piace anche vedere bambini molto piccoli che viaggiano da soli con i mezzi pubblici. Questo mi dà molta tranquillità. Qui non c'è la fretta a cui sono stata abituata tutta la mia vita. Questo posto ci permette di rallentare e di godersi ogni momento.

Trovo anche una buona comunicazione tra le scuole con i genitori, poiché all'inizio del periodo scolastico ci presentano la pianificazione del semestre e ci spiegano la loro metodologia, in modo che siamo sempre super informati.


E cosa non ti piace così tanto?

Ho scoperto che non è facile fare amicizia con le mamme comasche, credo sia una caratteristica di questa località. Quelle che ho conosciuto sono un po’ chiuse e non permettono che uno straniero faccia parte della loro vita. Sono gentili e includono sempre i bambini alle feste di compleanno e convivenze, ma con me non interagiscono oltre il saluto. All'inizio pensavo di essere l'unica straniera a cui succedeva, ma in questi quasi tre anni, ho visto che è una costante, tanto che, ho appena letto un articolo su di questo in un post locale chiamato "Qui Como", in cui spiegano che molte persone hanno le stesse esperienze di poca o nessuna socializzazione con le persone locali, il che mi sembra strano, poiché questo è un luogo molto turistico e si penserebbe che sarebbero più aperte.


Perché hanno scelto di stabilirsi a Lago di Como?

È stata una decisione molto ponderata, il mio progetto di lavoro in ProMéxico Germania era finito e insieme a mio marito Joe, abbiamo iniziato a considerare diverse opzioni, tutte e due avevamo vissuto in Marocco e in Francia, e anche se entrambi erano interessanti, Avendo una figlia piccola, abbiamo preferito che crescesse in una cultura più latina, in cui la famiglia fosse importante come in Messico. Inoltre, Joe aveva studiato parte del suo master qui, ed io ho vissuto a Milano per un paio di anni, quindi conoscevamo già il luogo, la posizione geografica era perfetta per il lavoro di lui e tutto indicava che questo era il posto giusto.


In questo momento sei dedicata 100% alla tua famiglia, ti piacerebbe tornare nel mondo del lavoro?

Sì, solo che al momento non è possibile, tra mio figlio che tende ad ammalarsi spesso e mio marito che si sposta ogni settimana per lavoro, la cosa migliore è che io mi dedichi alla cura dei bambini. Forse in un anno potrò reintegrarmi, perché lavorare, veramente fa la differenza, ti permette di avere l'indipendenza economica e il proprio spazio lavorativo e personale.


Ti manca qualcosa del Messico?

Certo! Ad esempio, l'offerta di tutti i tipi di servizi senza limiti di orario, a Città del Messico puoi trovare supermercati, farmacie, negozi, ecc.; che lavorano 24 ore al giorno 365 giorni all’anno; quindi, è sempre possibile ottenere quasi tutto in qualsiasi momento, Qui si deve essere più organizzati e attenti agli orari di ogni servizio, perché altrimenti si rischia di doversi spostare nei villaggi più vicini e senza la certezza di trovare quello che si cerca.

Un'altra cosa è il cibo e andare ai grandi complessi cinematografici a riempirci di popcorn e alla fine del film, mangiare dei buoni tacos. Qui... c'è solo un cinema e dei tacos, meglio non parlare... haha.


Beh, avranno solo un cinema, ma i tuoi vicini di casa sono George Clooney, Donatella Versace e altre celebrità.

Sì, c'è sempre qualcuno di famoso qui, dalle celebrità locali come i Ferragnez, ai politici come Obama. È piuttosto interessante, anche solo guardarli da lontano.


Il lago di Como si trova nella regione della Lombardia e ha forma di "Y" invertita, chiamato anche Lago di Lario, è noto, tra l'altro, per essere il luogo dove si svolge la storia del romanzo "I promessi sposi" di Alessandro Manzoni ed è la città natale di Alessandro Volta. Inoltre, apparire in film come "Casino Royal" di James Bond, "Ocean's Twelve", "Star Wars Episodio II – L’attacco dei cloni" e “il Giardino del piacere" di Alfred Hitchcock.


15 visualizzazioni0 commenti

Comments


Suscríbete para recibir novedades exclusivas

¡Gracias por suscribirte!

SÍGUENOS EN NUESTRAS REDES SOCIALES

  • Instagram
  • Facebook
bottom of page