top of page

ITALIA TIMES

italia-header.jpg

DANTE TIMES

Campi Pii

Aggiornamento: 30 giu 2022

Anfipione, vieni ad aiutarmi, non stare lì impalato! - gridò Anapia a suo fratello, che stava fissando le nuvole, gli mancava la forma che avevano, spesso si considerava l'architetto delle nuvole, lo scultore di quelle masse di cristallo d'acqua, che si subordinavano all'immaginazione del giovane, formando le immagini che voleva. Ma questa volta era diverso, per quanto si sforzasse quella mattina le nuvole gli disobbedivano, si agitavano e si rompevano.


Un pezzo di terra gli cadde in testa, un proiettile che sua sorella Anapia gli aveva lanciato per attirare la sua attenzione, poiché voleva finire il raccolto estivo prima che facesse buio. Alle pendici dell'Etna, in Sicilia, i due fratelli vivevano con i loro genitori, anche se non erano gli unici abitanti della valle, era una famiglia piuttosto solitaria, ma in gran parte unita e felice. Quando nacque, secondo il racconto di sua madre, strinse il suo piccolo pugno attorno al dito di suo padre, e da allora sembrò che non l'avesse mai lasciato. Suo padre era fermamente convinto che, affinché i suoi figli potessero annaffiare la sua tomba, avrebbe dovuto risparmiare loro tutte le lacrime possibili, per le quali c'era un amore molto grande tra loro quattro.


Arrivò la notte, e come al solito, Anfipione era sdraiato sul tetto della sua casa a guardare le stelle, mentre i suoi genitori e sua sorella dormivano già, le nuvole indisciplinate erano sparite e il manto stellare stava facendo una guerra di luce naturale, la luna poteva fare poco contro le migliaia di stelle che la circondavano e la oscuravano. Ma di nuovo qualcosa destò la sua curiosità, una nuvola nera cominciò a chiudere il sipario su uno spettacolo così sublime, una nuvola come non aveva mai visto prima, era più scura della notte, e sembrava non avere fine, così si fermò e cercò la fonte di quella nuvola, finché i suoi occhi incontrarono l'Etna, e vide un fumo salire dalla cima, e come colpito da un tuono, fu illuminato.


La terra tremò e la montagna cominciò a sputare fuoco, come se l'inferno avesse trovato la sua strada verso la superficie. Anfipione svegliò rapidamente la sua famiglia, dovevano allontanarsi da lì. I loro genitori erano anziani, e per camminare avevano sempre bisogno di un qualche tipo di supporto, così ogni fratello portò uno di loro e iniziarono a fuggire. I genitori, vedendo la lava precipitare giù dalla montagna, chiesero ai figli di salvarsi e di lasciarli lì, ma i figli non considerarono questo suggerimento per un momento.


Mentre si allontanavano da lì, videro altre famiglie correre in preda al panico, alcune di loro con dei carrelli, la cosa ragionevole sarebbe stata mettere i genitori in uno di quei carrelli per salvarli, ma si generò una paura collettiva, e la paura è sempre pronta a vedere le cose peggio di come sono, così la gente preferì fuggire piuttosto che sostenere i fratelli che portavano i genitori sulle spalle e si muovevano molto più lentamente degli altri.


Per la seconda volta, i genitori chiesero ai loro figli di lasciarli lì, sentendo il calore della lava che presto li raggiunse, ma di nuovo rifiutarono e continuarono. Videro in lontananza il loro piccolo villaggio trasformato in un inferno, le case ancora in piedi erano inghiottite dalle fiamme, il loro raccolto perso per sempre, e i genitori iniziarono a sentire la vergogna di essere la ragione per cui i loro figli sarebbero morti. Così di nuovo, con voce bassa e dittatoriale, il padre ordinò ai suoi figli di fermarsi. Entrambi si fermarono.

"Figli miei, a voi appartiene il mondo, e noi dobbiamo unirci alla terra che ci ha dato così tanto, vi amiamo, e vi ameremo sempre, in questa vita e nella prossima, ma per favore correte". Mentre diceva questo, una lacrima scorreva sulle sue guance rugose, una lacrima che evaporava nel calore della lava che si trovava a pochi metri da loro, pronta a divorarli.


È una qualità innegabile, e anche una qualità fondamentale degli esseri umani, che di fronte all'estinzione, qualsiasi altra alternativa è preferibile, i fratelli si guardarono l'un l'altro con un certo accenno di complicità, sapevano che loro padre aveva ragione, e che la sua missione di salvarli sarebbe fallita, che stavano solo rimandando l'inevitabile. Così, senza dirsi una parola, si sono separati dai genitori, ma non li hanno salutati, né sono scappati, invece li hanno abbracciati, facendo loro sapere che sarebbero rimasti con loro fino alla fine, per quanto breve potesse essere.


Ciò che temiamo di più è la nostra stessa paura, l'incertezza, l'incertezza di non sapere cosa succederà. Quando la famiglia si è unita in un abbraccio, non aveva più paura, era insieme, e nonostante il caldo insopportabile, si sentiva in pace. La lava li raggiunse, e i quattro chiusero gli occhi, ma non sentirono alcun dolore o bruciore, i loro vestiti non bruciarono, come una roccia in mezzo a un fiume, la lava passò accanto a loro senza toccarli. Fu l'amore di quella famiglia a cui le fiamme si sottomisero, rispettando la più grande potenza dell'universo, non c'è forza più pura di quella di un essere che è disposto a offrire l'unica cosa che è sua per un'altra persona, la vita.


Questa è la leggenda siciliana di Anfipione e Anapia, una delle più conosciute in Italia, tanto che fu eretto un monumento in onore di questi fratelli che senza pensare decisero di rischiare la vita per i loro genitori, monumento che si trova in un luogo conosciuto come Campi Pii.




12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Commentaires


Suscríbete para recibir novedades exclusivas

¡Gracias por suscribirte!

SÍGUENOS EN NUESTRAS REDES SOCIALES

  • Instagram
  • Facebook
bottom of page