top of page

ITALIA TIMES

italia-header.jpg

DANTE TIMES

Come i libri della nostra biblioteca, sono tornati alla vita!

In questo articolo vorrei parlarvi della Società Dante Alighieri, in particolare della sua biblioteca... Beh, la nostra biblioteca, perché sì, appartiene a tutti noi. In ogni suo angolo, nei suoi libri, è custodita la storia, quella di molto tempo fa.

Scritto da: Montserrat Morales


Fino a poco tempo fa, tutti i libri della biblioteca erano imballati in scatole, impolverati, nessuno li leggeva, nessuno li guardava. Erano solo disposti ordinatamente in un piccolo spazio 4x4. Anche se prima di finire in quel modo, svolgevano la loro funzione di essere letti ed erano a disposizione della comunità studentesca e del pubblico in generale.


Tuttavia, il fatidico terremoto del 19 settembre 2017 ha fatto sì che l’ordine fosse sconvolto. I libri sono finiti in magazzino, in attesa del momento di essere rimessi sugli scaffali.

C'erano più di 300 scatole e al loro interno c'erano più di 10.000 libri, una grande varietà per qualsiasi bibliofilo. È stata una vera sfida per il responsabile del restauro della biblioteca, che ha dovuto sfogliare, leggere, spolverare e sistemare. Non è un compito facile, ma per Esteban Castorena Domínguez è stato un paradiso, un'oasi in mezzo alla tempesta. In quanto bibliotecario, ha avuto l’opportunità di portare la sua passione al livello successivo.


Le scatole non contenevano solo libri, ma anche lettere, firme, nomi, ritagli di giornale, inviti a vecchi eventi dell'istituzione e quaderni di contabilità. Ma c'era una cosa che spiccava davvero tra tutte: i libri.


Vedete, molti dei libri portavano ancora l'imponente timbro del Fascio del Messico. Sì, un marchio che apparteneva al fascismo dell'epoca, una politica che nessuna istituzione italiana, compresa La Dante, poteva trascurare. Ciò significa che si tratta di scritti di grande valore storico, volumi che risalgono alla fine dell'Ottocento: ci credete?


La nostra libreria ha al suo interno alcuni scritti molto antichi, ma è qui che sta la magia. Si può tenere tra le mani qualcosa di così antico e sapere che la persona che ha scritto ciò che si sta leggendo ha avuto una vita molto diversa dalla propria, una persona di un'epoca completamente diversa; è come viaggiare nel tempo. Inoltre, si legge l'eredità di quello scrittore che non c'è più, ma che sembra ancora presente.


Ma come hanno fatto questi libri italiani a raggiungere il territorio messicano?



L'emigrazione italiana in Messico durante il Porfiriato fu intensa, tanto che tra il 1881 e il 1882 furono fondate diverse colonie di migranti nelle province del Paese. Come forse sapete, era abbastanza conveniente spostarsi dalla campagna a Città del Messico in cerca di nuove opportunità.


Alla fine del 1901, il consiglio propose di creare una biblioteca circolante, una biblioteca mobile con letteratura in italiano, in modo che questi libri potessero raggiungere gli immigrati che erano nuovi in città. In questo modo, avrebbero potuto sentire una sensazione di familiarità in un luogo sconosciuto e lontano da casa.


I primi libri furono donati dai membri del primo consiglio, creando una grande biblioteca pubblica. Quando Roma riconobbe questa fondazione, fu la Sede centrale a farsi carico di inviare altri libri nel corso degli anni per alimentare questo spazio.


Una delle funzioni principali di questa biblioteca era quella di insegnare agli immigrati italiani a leggere e scrivere nella loro lingua, dato che all'inizio del secolo ognuno parlava un dialetto diverso. Inoltre, all'inizio di La Dante in Messico, insegnava l'italiano a tutti gli italiani che dovevano lasciare la loro patria.


La nostra biblioteca ne ha passate tante, ed è stato grazie a Esteban Castorena Domínguez che in un anno e mezzo è riuscito a riorganizzarla e nel 2022 è stata riaperta.


Dopo avervi raccontato un po' la storia della Biblioteca Cesare Navari, vorrei che un giorno poteste venire a visitarla e a sfogliare qualche libro, sicuramente la vostra esperienza sarebbe diversa da quella di una qualsiasi altra biblioteca perché ne conoscete il contesto.


Se ci andrete, mi piacerebbe leggere i vostri commenti, quali libri avete trovato, se ne avete trovato uno che è diventato il vostro preferito, se avete imparato qualcosa di nuovo da uno dei libri.










"La lettura di un libro è un dialogo incessante, in cui il libro parla e l'anima risponde". André Maurois.


10 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentarios


Suscríbete para recibir novedades exclusivas

¡Gracias por suscribirte!

SÍGUENOS EN NUESTRAS REDES SOCIALES

  • Instagram
  • Facebook
bottom of page