top of page

ITALIA TIMES

italia-header.jpg

DANTE TIMES

Enzo Ferrari: L'uomo dietro il Cavallino Rampante

Articolo scritto da Eduardo Montoya Montiel.


Enzo Anselmo Giuseppe Maria Ferrari è nato il 18 febbraio 1898 a Modena, Italia, nella regione dell’Emilia-Romagna, Figlio di Alfredo e Adalgisa Ferrari, titolari di una azienda di attrezzature ferroviarie, è cresciuto con il fratello Alfredo, due anni più grande di lui, lontano dal glamour e dalla distinzione che oggi si associano al cognome.


Archivio di famiglia, (da sinistra a destra) Enzo Ferrari, Alfredo Ferrari (figlio), Alfredo Ferrari (padre) e Adalgisa Ferrari.


Il suo primo approccio con una pista avvenne all'età di dieci anni, quando il padre portò lui e il fratello alla Coppa Florio, competizione automobilistica che si disputava dal 1905 nel Autodromo di Bologna, in cui il piccolo Enzo sarebbe rimasto incantato a vita dallo sport mentre vedeva guidare Vincenzo Lancia, che in futuro sarebbe diventato proprietario di una prestigiosa casa automobilistica con il suo cognome. 


Nei suoi primi anni, oltre agli sport motoristici, Enzo mostrò interessi diversi dai desideri del padre che prevedeva che lui e il fratello ereditassero l'azienda di famiglia, poiché, fin da giovanissimo iniziò a lavorare per i vigili del fuoco della sua città, ed ebbe una fugace esperienza come editorialista nel popolare giornale sportivo italiano La Gazzetta dello Sport, firmando tre articoli sul calcio, che a quel tempo era ancora considerato uno sport inglese, quindi non ha avuto molta rilevanza. Questo accadeva un paio di mesi prima dell'inizio della prima guerra mondiale nel luglio 1914.


Possiamo considerare che questo sia stato uno dei periodi più difficili nella vita di Enzo, poiché nel 1915, mesi dopo l'inizio del conflitto, morì di polmonite il padre, seguito poi dal fratello, che morì l'anno successivo mentre prestava servizio volontario con le forze armate italiane. Così, nel 1917, restando capofamiglia, il giovane fu reclutato come meccanico in un battaglione di artiglieria, finché, nello stesso anno, si ammalò gravemente di pleurite, malattia respiratoria dalla quale riesce a guarire, ma non gli fu permesso di tornare nell'esercito a causa delle conseguenze della malattia.


I primi passi di Enzo nel motorsport 


Non potendo continuare la carriera militare, Enzo si recò a Torino per trovare un posto all'interno del prestigioso marchio FIAT, ma fu rifiutato nonostante avesse ottime referenze dai suoi superiori nell'esercito. Quindi in un primo momento ritenne necessario accettare un lavoro nel restauro di veicoli distrutti nella guerra, e poi in una piccola fabbrica chiamata Costruzioni Meccaniche Nazionali (CMN), azienda la quale nel 1919, ebbe la sua prima opportunità come pilota, ottenendo risultati regolari quell'anno, ma che gli valsero l'accettazione di Alfa Romeo come pilota titolare nel 1920, dove continuò a lavorare per vent'anni ricoprendo importanti incarichi come titolare di una concessionaria e direttore di gara.


Archivio di famiglia, Enzo Ferrari nell'Alfa Romeo, 1920.


Scuderia Ferrari: l'inizio di un'eredità.


Nel 1939, con una carriera consolidata nel mondo del motorsport, Enzo decise di iniziare la propria strada come costruttore di automobili sotto il nome di Auto Avio Costruzioni (AAC), e fondò una squadra corse  chiamata Scuderia Ferrari, responsabile della produzione di veicoli da competizione, allontanandosi così dalla produzione di massa e concentrandosi sulla potenza e le prestazioni del motore.


Archivio, Alberto Ascari nella Ferrari 125F1, 1950.



Il primo stabilimento era situato a Modena, sua città natale, tuttavia, allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, venne parzialmente distrutto in due occasioni, la prima nel novembre 1944 e successivamente nel febbraio 1945, dovendo cessare definitivamente l'attività.


Fu solo nel 1947, dopo la Seconda Guerra e la sconfitta del regime fascista di Benito Mussolini, che Enzo decise di riprendere le sue attività ora nella città di Maranello, dove continuano ad operare gli uffici del marchio e dove è stata finalmente fondata la Ferrari S.p.A. 


Archivio, Fabbrica Ferrari a Maranello, Italia.


Il Cavallino Rampante 


Il famoso logo della Ferrari è l'emblema più riconoscibile nel mondo degli sport motoristici, il cavallo nero ritto sulle zampe posteriori e la coda agitata ha le sue origini nella prima guerra mondiale, grazie ad un pilota delle forze aeree italiane di nome Francesco Baracca, il cui aereo veniva decorato con l'ombra di questo equino in onore del reggimento di cavalleria a cui aveva inizialmente appartenuto. 


Archivio, Francesco Baracca con l’aereo prima della sua morte in 1918.


Purtroppo Francesco morì in combattimento, e per onorare la memoria del figlio, i conti Baracca, decisero di donare l'immagine ad Enzo nel 1927, quando aveva già un nome come pilota. Secondo quanto racconta nella sua autobiografia, fu la stessa contessa ad insistere che utilizzasse il simbolo rappresentativo di suo figlio, sostenendo che utilizzarlo gli porterebbe fortuna. 


Così venne adottata l'immagine iconica e nel tempo furono aggiunti altri dettagli come il colore giallo canarino sullo scudo, che rappresenta la città di Modena e i tre colori rappresentativi della bandiera italiana in alto creando così un'identità nazionale associata al marchio. 


Ferrari in Formula 1 


La Scuderia Ferrari è l'unica nella storia che ha corso ogni anno nella massima categoria fin dalla sua nascita nel 1950; Allo stesso modo, detiene il titolo della squadra con il maggior numero di campionati vinti dai suoi piloti con 15 in totale, l'ultimo nel 2007, vinto dal pilota finlandese Kimmi Raikkonen. Tutto ciò fa di Ferrari il più grande riferimento nel mondo del motorsport, contando nella sua storia con piloti come Juan Manuel Fangio, Niki Lauda, ​​Gilles Villeneuve, Nigel Mansell, Alain Prost e Michael Schumacher. 


Attualmente la squadra schiera due piloti di altissimo livello, lo spagnolo Carlos Sainz Jr. e il giovane monegasco Charles Leclerc.


Ferrari vía instagram: Charles Leclerc y Carlos Sainz Jr.



Presente 


Oggi si stima che la Ferrari venda dalle 10.000 alle 13.000 unità all'anno, mantenendo così lo status di esclusiva del marchio; tuttavia, i suoi ricavi non si limitano alla vendita di automobili, poiché ha capitalizzato la sua reputazione tra il pubblico con un'ampia gamma di prodotti che vanno dalla moda, alle licenze per la produzione di qualsiasi tipo di articolo con il proprio logo, offrendo anche esperienze come in Ferrari Land, il suo parco divertimenti a Tarragona, in Spagna. 


In conclusione possiamo affermare che Enzo Ferrari ha forgiato un'eredità che è stata adottata dagli italiani come icona nazionale di ingegneria, lusso e velocità, incarnando passione ed eccellenza nel mondo automobilistico.

 

La sua storia rivive attraverso le sue creazioni innovative e la sua impareggiabile presenza in pista, mantenendo il suo posto come simbolo eterno di potenza ed eleganza sulle ruote che gli ha permesso di trascendere l’immaginario collettivo globale.



27 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Commentaires


Suscríbete para recibir novedades exclusivas

¡Gracias por suscribirte!

SÍGUENOS EN NUESTRAS REDES SOCIALES

  • Instagram
  • Facebook
bottom of page