top of page

ITALIA TIMES

italia-header.jpg

DANTE TIMES

La voglia di capire

Aggiornamento: 30 giu 2022

Si sa che Mercurio è il pianeta che governa la comunicazione e che quando è retrogrado dovremmo essere particolarmente attenti a tutto ciò che la riguarda.


Così, durante le settimane dell'anno in cui tale astro compie il suo percorso in apparente regresso, tutto quello che "devia" o "perde la rotta" senza alcuna ragione logica, possiamo imputarlo all'energia che transita nel momento. Ma cosa succede quando il reggente della parola e dell'intesa non "interviene" in modo opposto? Non dovremmo essere influenzati da questa vibrazione positiva e, in generale, essere in grado di esprimerci in modo efficace? Perché a volte è difficile farci capire e capire?


n queste settimane, guardandomi intorno, mi sono posta queste domande e, una delle risposte che mi è venuta in mente ripetutamente è stata... mancanza di volontà. Perché si è dimostrato che quando le persone hanno voglia di capire, lo fanno, così semplice. Anche se potrebbe sembrare che non possa essere raggiunto, è generalmente possibile quando tutte le parti coinvolte decidono di farlo. Ci sono molti esempi, nel mio caso, essendo un'insegnante di lingue, è successo che alcuni dei miei studenti non hanno una lingua comune con me e all'inizio dobbiamo usare tutti gli strumenti a nostra disposizione, compresi gesti, movimenti corporei, suoni, ecc.


Un altro, è quello che descrive il mio primo approccio formale alla lingua e alla cultura d'Italia, e si svolge nei miei anni all'università. In quel periodo, lavoravo part-time in un ufficio contabile, un giorno, il mio capo mi chiese di assistere un cliente straniero, del quale, tra l'altro, non avevo alcuna conoscenza. Tuttavia, era stata scelta perché parlava un po' di inglese.

Arrivata all'appuntamento, tra un mare di gente, ho trovato lui... in attesa paziente. Andai a salutarlo e mi presentai, lui mi guardò, si presentò anche lui in inglese e poi iniziò a parlare in un italiano molto veloce.


All'inizio non capivo niente, anche se ho cercato di stare molto attenta. Dopo un po' di tempo nel guardarlo e ascoltarlo, lui fece una pausa e mi chiese... capisci? E io, gli ho risposto... no, niente... Beh, in realtà solo la parola "capisci", ovvio per "Il Padrino". Improvvisamente, ci siamo trovati a ridere come pazzi per l'assurdità della scena. Tuttavia, continuando la conversazione, entrambi cambiamo il nostro modo di comunicare, cerchiamo di parlare più lentamente ognuno nella propria lingua, cominciamo a fare i gesti e addirittura a disegnare.


Tutto per uno scopo comune: comunicare per capirci.

Al termine dell'appuntamento, avevamo già programmato tutta la settimana di lavoro. Sono stati giorni molto intensi in cui abbiamo sviluppato una comprensione che andava oltre le parole. Siamo stati in grado di trattare temi di lavoro, personali e persino nel raccontarci barzellette e scherzare parlando ognuno una lingua diversa e, tuttavia, comprenderci. Lì nacque non solo una bella amicizia, ma anche il mio interesse nell’imparare l'italiano e conoscere la cultura della persona che mi aiutò ad ampliare la mia prospettiva. Inoltre, in quel momento, ho scoperto che, sempre, le coincidenze hanno molto più valore delle differenze e che, con volontà e un po' di empatia, è possibile raggiungere una buona comunicazione.


Pertanto, e a prescindere dal transito di Mercurio, vorrei suggerire di cercare di includere questi due fattori ogni volta che parliamo con qualcuno... compresi noi stessi.


39 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


Suscríbete para recibir novedades exclusivas

¡Gracias por suscribirte!

SÍGUENOS EN NUESTRAS REDES SOCIALES

  • Instagram
  • Facebook
bottom of page