top of page

ITALIA TIMES

italia-header.jpg

DANTE TIMES

Cappella Sistina in Messico:

Una riproduzione fedele ricca di arte, bellezza e storia


Molti sono gli esponenti dell'arte italiana e molte sono anche le opere che ognuno di loro ha lasciato in eredità al mondo: il nostro amato Dante Alighieri e la sua Divina Commedia, Leonardo Da Vinci e l'Ultima Cena, Sandro Botticelli e la Nascita di Venere, oltre a una lunga, lunga eccetera.

Tra i vasti nomi di artisti italiani, abbiamo l'accattivante, inconfondibile ed estremamente talentuoso Michelangelo Buonarroti. La prova del suo enorme talento si riflette in tutte le sue opere, che non si limitano alla pittura, ma vanno oltre, realizzando creazioni sublimi sia nel campo dell'architettura che della scultura.


Tra le sue opere più famose ci sono il David, il Cristo della Minerva, la Conversione di San Paolo e il Martirio di San Pietro. Ma forse l'apice della sua carriera si raggiunse con una delle opere più trascendentali e importanti non solo per l'arte rinascimentale, ma per l'arte in generale: il restauro della Cappella Sistina, che portò con sé splendidi affreschi nella volta e una delle opere d'arte più belle mai viste: il Giudizio Universale.


E la cosa più bella è che nello Zócalo di Città del Messico abbimo potuto ammirae una riproduzione a grandezza naturale del tutto dedele all'orihinale!


Il tutto attraverso una mostra che è stata presente dal 19 aprile al 19 maggio 2022 grazie alla collaborazione del Governo di Città del Messico, dell'Istituto Ellenico di Cultura e dei Musei Vaticani.


 

La Mostra

AL'apostolo Pietro fu crocifisso a testa in giù perché non si riteneva degno di morire come il suo Signore.

Musei Vaticani


Questa esperienza indimenticabile è suddivisa in 3 parti: una pre-sala, l'atrio e la riproduzione della Cappella Sistina. La pre-sala contiene una serie di pezzi che costituiscono la vasta collezione dei Musei Vaticani, che rappresentano i momenti più iconici e importanti della cristianità nel corso della sua storia. Vale la pena notare che questa è l'unica parte in cui il pubblico è autorizzato a scattare fotografie.

Dopo aver apprezzato l'arte in questa sala, il pubblico entra nel foyer, dove tutto è disposto in modo che, una volta entrati nella cappella, si possa meglio comprendere e apprezzare la bellezza di tutto ciò che ci attende. Attraverso un video, viene esposta la magnificenza della Cappella Sistina, la sua storia, la sua arte e l'architettura. Per esempio:



Gregorio IX


Sapevate che la Cappella prende il nome da Papa Sixto IV, che la fece costruire durante il suo pontificato?

Spiega anche come Papa Giulio II, un mecenate delle arti, commissionò a Michelangelo il restauro della volta della Cappella e, sebbene l'artista fosse inizialmente titubante quando spiegò al Papa di non essere un pittore ma uno scultore, finì per creare una delle sue opere più famose.

In seguito, su ordine dei papi Clemente VII e Paolo III, il Buonarroti mise la ciliegina sulla torta dipingendo la scena del Giudizio Universale. Il pittore, architetto e scultore portò così a compimento una serie di creazioni che aveva iniziato qualche tempo prima e con le quali si affermò come uno dei più grandi artisti mai visti.


Veduta della volta e degli affreschi adiacenti della Cappella Sistina, tra cui il Giudizio Universale.


Per chiudere in bellezza, e una volta inserita nel contesto, le porte si aprono per assistere alla replica della Cappella Sistina in tutto il suo splendore, con un'illuminazione, un'atmosfera e persino una vibrazione che ci fanno sentire come se, da un momento all'altro, fossimo stati trasportati nel Vaticano stesso.


È allora che possiamo vedere con i nostri occhi le creazioni che, fino a quel momento, avevamo visto solo in video. Non c'è niente di meglio che girare la testa verso l'alto e vedere la volta che secoli fa fu opera del grande Michelangelo, i diversi passi della Genesi raffigurati e, proprio al centro, la rappresentazione della Creazione, il legame più importante tra Dio e l'uomo creato a sua immagine e somiglianza.

Dopo aver apprezzato questi bellissimi affreschi, volgiamo lo sguardo verso la facciata e ci imbattiamo nel Giudizio Universale: una rappresentazione della Giudizio in cui vediamo gli angeli che suonano le trombe annunciando l'arrivo di un Gesù apollineo, ma implacabile nel suo giudizio nonostante l'intercessione di sua madre. Vediamo anche la gioia di coloro che sono chiamati al Regno dei Cieli, che contrasta con la disperazione di coloro che sono condannati all'inferno e che, nel tentativo di salire con i giusti, vengono violentemente respinti nella barca di Caronte.

Spicca anche la presenza di alcuni apostoli, tra i quali va segnalato San Bartolomeo, che fu decapitato vivo durante il suo martirio ed è raffigurato con la pelle in mano. La tradizione vuole che, attraverso una firma, Michelangelo si sia immortalato attraverso la pelle tenuta dall'apostolo, alla sua opera.


Si conclude così questa incredibile mostra, che ha indubbiamente attirato l'attenzione e gli occhi non solo degli abitanti di Città del Messico, ma anche di molti stranieri che non si sono lasciati sfuggire l'occasione di assistere a un evento di questo calibro. E tu, hai avuto l'opportunità di partecipare? Se è così, sono sicuro che, come me e tutti coloro che hanno partecipato, avete vissuto un'esperienza unica che ci ha fatto sentire come se fossimo all'interno del Palazzo Apostolico stesso.


148 visualizzazioni1 commento

Post recenti

Mostra tutti

1 commentaire


Molto felice per leggere e vedere quet'informazione. Grazie mille!!!


J'aime

Suscríbete para recibir novedades exclusivas

¡Gracias por suscribirte!

SÍGUENOS EN NUESTRAS REDES SOCIALES

  • Instagram
  • Facebook
bottom of page