top of page

ITALIA TIMES

italia-header.jpg

DANTE TIMES

Uno sguardo alla vita caotica della Roma imperiale

Aggiornamento: 30 giu 2022

Salvete, Romani! È quel periodo dell'anno in cui il caldo della città, combinato con il trambusto quotidiano, la frenesia di innumerevoli persone per le strade e sui trasporti pubblici, i ritardi, il traffico e la miriade di imprevisti che possono accadere, portano più di una persona fuori di testa.

Quanti di noi desiderano vivere in una città dove la pace, la tranquillità e i momenti spensierati sono in abbondanza?

Sicuramente, quando pensiamo all'antica Roma, ci viene in mente l'immagine di una città le cui strade sono fiancheggiate da persone che chiacchierano tranquillamente, toga alla mano, su un argomento di interesse. Se è vero che c'erano posti dove era possibile vivere tranquillamente, come Cuma - una città scarsamente popolata molto vicina all'attuale Napoli - o Bayas - nota come località estiva e centro di relaxpensatela come la Cuernavaca romana) - sarete sorpresi da quanto incredibilmente caotica fosse invece la capitale dell'Impero, e quanto assomigli a molte città moderne in questo senso.


Quindi, indossate la vostra migliore toga e il vostro miglior paio di sandali, perché oggi faremo una passeggiata per le strade di Roma in un giorno qualsiasi con l'aiuto di Giovenale, un poeta satirico che visse tra la fine del I e l'inizio.

Chi non ha avuto bisogno di un momento di silenzio per concentrarsi a studiare o per fare qualche attività importante o semplicemente per essere in pace con se stessi?

Beh, lasciate che vi dica che, se è così, Roma non era esattamente il posto migliore per trovarlo: i cittadini si lamentavano del rumore generato non solo dai carri, ma anche dagli stessi conducenti che scendevano in strada gridando che la bestia da soma continuava la sua strada senza fermarsi.


Vi siete mai disperati perché vi trovate in un posto così affollato che riuscite a malapena a camminare?

A quesito propósito, Giovenale ci dice: (…) con la fretta che ho, una valanga (di gente) mi chiude la strada davanti, e la folla che mi segue dietro in una coda senza fine mi opprime le reni –alludendo alle strette tra gli stessi cittadini nel tentativo di continuare il loro cammino.

E questo è solo l'inizio, perché se siete stati sui trasporti pubblici nell'ora di punta, saprete cosa significa essere spinti giù, calpestati o addirittura picchiati da qualcun altro che cerca di ottenere un posto. I romani non erano molto lontani, perché, nelle parole del nostro autore, in mezzo al trambusto non mancava la gente che ti dava una gomitata, ti colpiva con una lettiera portatile - comune a quei tempi -, ti colpiva in testa con una gruccia o un vaso appeso alla schiena... per non parlare del calpestare - un'immagine comune che si verifica ancora oggi nella metropolitana o nei camion affollati.

Chi non è mai andato a fare una passeggiata nel fine settimana al mercato più vicino alla propria comunità e, dopo aver fatto acquisti, ha mangiato uno degli innumerevoli antojitos (spuntini) che vi si vendono? Proprio per questo motivo, è molto comune vedere persone che vanno e vengono lungo gli stretti sentieri in mezzo a un gran numero di bancarelle con i loro rispettivi utensili da cucina.


Giovenale si lamenta subito di questo, perché trova insopportabile che alla già enorme folla si aggiungano gli schiavi che trasportano utensili da cucina - compresi i fornelli che, nel corso del loro viaggio, vengono alimentati con il fuoco - e il carico e l'affollamento sono tali che i trasportatori prendevano i propri vestiti con gli stessi carri in cui portavano le merci - e non dubito che lo facessero anche a questo o quel pedone.


D'altra parte, c'era sempre il pericolo che, a causa del sovraccarico, la giunca si rovesciasse sullo schiavo che la trasportava o su un povero innocente che passava, finendo in tragedia.

Ma che dire dei pericoli della notte, caro legionario? Sono sicuro che, in più di un'occasione, avete dubitato se uscire di notte a causa dei rischi che rappresenta. Ebbene, tra i pericoli a cui erano esposti i romani quando uscivano di notte, i più pericolosi erano le pericolosissime pentole... sì, come avete sentito.


È interessante notare che la gente lasciava le finestre aperte fino al momento di andare a letto. Proprio a quest'ora del giorno è stato riportato il maggior numero di casi di persone ferite da vasi o pentole cadute dalle finestre, probabilmente messe lì per decorare la casa.

Per non parlare dei criminali che potresti incontrare nel buio. Giovenale sottolinea cosa succede allo sfortunato che incontra questo tipo di persona nelle sue peregrinazioni notturne, accompagnato dalla fiamma tremolante della sua candela: beh, cosa puoi fare se non sei più forte di lui? Se ti interroga e non rispondi a quello che vuole sentire, stai sicuro che ti estorcerà le informazioni a suon di botte, proprio come farà se cerchi di scappare. E questa non è la parte peggiore, perché se alzi la voce con lui, ti denuncerà al pretore per pubblico scandalo - e sarai tu a finire in prigione.

Per tutto questo, il poeta elogia un suo amico che ha lasciato la capitale e si è trasferito in un posto più tranquillo, lontano da tutta la follia della città. E tu, hai mai pensato che Roma fosse caotica e stressante come le grandi città di oggi? La prossima volta che sei bloccato nel traffico, in un mare di gente o nei trasporti dell'ora di punta, puoi dire che ti senti proprio come nella Roma imperiale. Valete.


73 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


Suscríbete para recibir novedades exclusivas

¡Gracias por suscribirte!

SÍGUENOS EN NUESTRAS REDES SOCIALES

  • Instagram
  • Facebook
bottom of page